Le buchette del vino... e della droga


Posted November 12, 2020 by comunicatifirenze

A Catania uno spacciatore vendeva droghe di ogni tipo attraverso una buchetta praticata sulla porta condominiale.
 
Nella Firenze rinascimentale del ‘500 le famiglie più ricche, proprietarie di vigneti, vendevano bicchieri di vino ai passanti direttamente in strada attraverso delle piccole finestrelle praticate sulla facciata dei palazzi, chiamate “le buchette del vino”. Nella Catania del XXI secolo la tradizione pare essere stata ripresa per favorire uno spaccio della droga molto discreto, attraverso piccole aperture praticate sulle porte condominiali.
Questo è il metodo usato per vendere cocaina, crack e marijuana da un 30enne pregiudicato nella zona di Librino, nota piazza di spaccio. Una sorta di “distributore automatico” della droga operato manualmente dal criminale che si piazzava dietro la porta.
L’attività investigativa e repressiva delle forze dell’ordine ricoprirà sempre un ruolo chiave nel contrasto al traffico degli stupefacenti, ma è chiaro che non si arriverà mai a una vera soluzione finché ci sarà una richiesta di droga. Finché ci saranno persone che vorranno acquistarla, ci saranno anche criminali che escogiteranno metodi sempre più fantasiosi per eludere i controlli e fare soldi vendendo veleni.
Per ridurre la domanda di sostanze tossiche illegali è necessaria una capillare e diffusa campagna di prevenzione che possa evitare che i giovani comincino a drogarsi in primo luogo.
“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nella quale la droga e l’alcool non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o se ne promuova l’uso.
Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà con consapevolezza di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.
La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”
-- END ---
Contact Email [email protected]
Issued By Giovanni Trambusti
Country Italy
Categories Education
Last Updated November 12, 2020